La lenta e costante ascesa delle donne camioniste

#BIGSTORY
 

Il Mag N. 2 • Settembre 2021 • 7 min di ascolto

Il mondo dei camion è un mondo di uomini. Ma davvero…? Abbiamo parlato con due camioniste del loro lavoro, delle loro esperienze... e delle loro speranze per il futuro. 


Home / Il Mag N. 2

Ascolta il podcast:

Sandrine Son is a French truck driver from Clermont-Ferrand in France – Michelin for my Business.


LEGGI LA TRASCRIZIONE

Molte professioni sono storicamente maschili e guidare camion è certamente una di queste. Ma negli ultimi anni, un numero crescente di donne ha preso il volante. Qual è la ragione di questo cambiamento? È il risultato dei cambiamenti nella società? È perché le donne camioniste sono più esposte ai media, o forse per la loro presenza sui social media...? E nonostante questi cambiamenti, i pregiudizi di genere continuano a rendere le cose più difficili per loro? Chiediamo a chi conosce certamente meglio le risposte...

La strada aperta attira

 “Ho scoperto il mondo del trasporto su strada grazie al mio ragazzo, quando avevo 19 anni, e da allora sono stata conquistata”. Incontro con Oti Cabadas, alias Coco Trucker*, autista spagnola di camion che vive a Palencia. Oti trascorre le sue settimane attraversando la Spagna e, a volte, il Portogallo, nella maggior parte dei casi trasportando birra. “Quello che mi piace di più è la sensazione di libertà. È una libertà relativa, naturalmente, perché c’è sempre un programma da rispettare. Ma puoi scegliere quando e dove fermarti e stabilire i tuoi itinerari. Sono molto indipendente e questo mi piace molto”.

Anch'io. Amo il mio lavoro perché sulla strada mi sento libera. A volte mi sembra persino di non essere al lavoro, concorda Sandrine Son**, autista francese di Clermont-Ferrand; anche lei sente il richiamo della strada aperta. “Sono cresciuta nel mondo della meccanica: mio padre era ispettore tecnico per una azienda di autobus, quindi ho sempre pensato che un giorno avrei lavorato “on the road”. E dato che amo la sensazione di libertà che provo quando sono alla guida, ho scelto di lavorare soprattutto di notte, facendo consegne per i supermercati con il mio camion frigorifero. Di notte sei solo sulla strada, non c'è traffico e non ci sono problemi di parcheggio. Posso lavorare in tranquillità”.

Non ci sono così tante donne in giro

Messa da parte quell’inebriante sensazione di libertà, ci sono ostacoli specifici per le donne che guidano un camion nel 2021? Non proprio, secondo Sandrine: “Le cose sono cambiate negli ultimi anni, soprattutto nel modo in cui veniamo percepite dai nostri colleghi maschi. A volte mi osservano un po', sono sorpresi, ma non mi guardano dall'alto in basso. Tutto sommato, ricevo più incoraggiamenti che condiscendenza. C'è ancora un po' di sciovinismo maschile, certo, ma non mi ferma. In realtà sento spesso camionisti uomini dire che ci dovrebbero essere più donne nella professione, per una maggiore diversità”.

“Ci sono sicuramente sempre più camioniste che lavorano”, dice Oti, “ma è difficile vederle, perché sono ancora una piccola percentuale. Quando ti fermi per il pranzo, di solito ti trovi in una stanza piena di uomini. A volte mi sento come una formichina che mangia da sola, l'unica donna nei paraggi”.

Camioniste sui social media

Ma, visto che ci sono sempre più donne che percorrono questa via, cosa le spinge ad accettare questo lavoro? Per Sandrine, potrebbe essere anche solo la forza dell'esempio: “Una volta una camionista era una rarità, ma oggi, sia in TV che nelle riviste o sui social media, sono sempre più visibili, e questo contribuisce a normalizzare la presenza delle donne in questo settore. Dimostra che tutti possono farlo”.

Programmi televisivi come “Trucker Babes”, uno show tedesco adattato in diversi paesi, o la serie TV colombiana “Los Briseño” (il titolo inglese è “The Road to Love”) su una giovane donna che va contro i pregiudizi della sua famiglia per diventare una camionista, stanno mostrando al pubblico le donne camioniste come mai prima d'ora. E anche i social media giocano la loro parte.

Oti ne sa qualcosa: “Ho condiviso le mie esperienze di camionista su Facebook e Instagram per diversi anni. Ora ho un bel po' di follower, ma ho iniziato semplicemente postando un'intervista che ho rilasciato a una rivista specializzata. Poi ho condiviso cose della mia vita quotidiana sulla strada e ha preso piede. Ho anche creato un gruppo di supporto su WhatsApp con colleghe che sono diventate amiche. Quando ho iniziato, non conoscevo altre donne, perché non abbiamo necessariamente la possibilità di incontrarci sulla strada. Grazie ai social media, ci sono più modi per entrare in contatto. Molte donne mi scrivono per dirmi che sono sempre state attratte dai camion ma che sono esitanti. Penso che la ragione per cui ci sono ancora così poche donne sia perché non si rendono conto che possono farlo. Molte donne non osano fare il salto”.

Un consiglio? eccolo!

“Certo, la forza fisica a volte ci mette in svantaggio rispetto agli uomini” dice Sandrine. “Ma d'altra parte, siamo meno brusche nel modo di guidare e maneggiare la merce, siamo più attente. Spesso abbiamo anche un rapporto migliore con i clienti, è solo uno stile diverso”.

“Inoltre, è una questione di fiducia più che di capacità fisiche”, aggiunge Oti.

 “Sono alta 1,60 m; se posso farlo io, può farlo chiunque! Fare questo lavoro significa avere la vocazione. Se avessi un consiglio da dare alle aspiranti camioniste, direi solo: ‘segui la tua passione’. Se guidare camion non è la tua vera vocazione, il lavoro risulterà molto più difficile. Passi molte ore sulla strada e non sei molto a casa. Ma se ti piacciono i camion e se questa è veramente la tua passione, allora ti dico: vai! Puoi farlo bene come chiunque altro”.

*Intervista a Oti Cabadas, alias Coco Trucker, dell'11 maggio 2021.
**Intervista a Sandrine Son del 27 aprile 2021. 

bloc titre women truckers

Mad Max: Fury Road - Official Main Trailer [HD]

Prima di programmi televisivi come “Trucker Babes” in Germania e “Los Briseño” in Colombia, le camioniste sono state presenti anche in alcuni libri e film. Per esempio, nel film del 1974 “Trucker's Woman” di Will Zens - originariamente intitolato “Truckin' Man”, il titolo fu cambiato dal distributore per aumentare le vendite dei biglietti. Il più delle volte, le camioniste nei film sono rappresentate come personaggi impavidi, senza fronzoli, come Furiosa in “Mad Max: Fury Road” (2015), Jill nel film cult di Terry Gilliam “Brazil” del 1985, o le due eroine del film di cassetta del 1979 “Flatbed Annie & Sweetiepie: Lady Truckers”.

quotation left yellow

Il più delle volte, le camioniste nei film sono rappresentate come personaggi impavidi, senza fronzoli.

quotation right yellow

In letteratura, un racconto in prima persona della vita come camionista donna è stato pubblicato nel 2009 da Rebby Barnard con il titolo “Confessioni di una camionista”, dove parla di come ha imparato a conoscere sé stessa e il mondo. Il tema del sessismo è al centro di “Silly Woman, Big Rigs are for Men” di Mary Ellen Dempsey, pubblicato nel 2011. Racconta le avventure di una madre single che si mette alla guida di un camion negli anni '60 per mantenere la sua famiglia. Il romanzo francese “Le camion de la fille” di Louise Méheut (2020) tocca lo stesso argomento, ma in un contesto più contemporaneo, seguendo il viaggio di una camionista che decide di affrontare in tribunale la discriminazione nel mondo dei trasporti.

 

Trucker Babe Jana auf Abwegen | Trucker Babes | Kabel Eins

michelin site section newsletter titre

Fornendo il mio indirizzo e-mail e cliccando sul pulsante di seguito, accetto le Condizioni d'uso, prendo visione dell'Informativa sulla Privacy, acconsento al trattamento dei dati da parte di Michelin Italiana S.p.A. con le seguenti finalità:
1. Gestire la tua partecipazione al programma
2. Verificarne la tua soddisfazione
3. Inviarti informazioni commerciali e comunicazioni promozionali da parte di Michelin Italiana SpA
 
Il Titolare del Trattamento è Michelin Italiana SpA e i tuoi dati saranno trattati solo dal personale necessario e, ove applicabile, da società delegate. Hai il diritto di accedere, rettificare i tuoi dati o richiederne la cancellazione dai nostri database. Per questo puoi contattarci via email all'indirizzo: servizio.privacy@michelin.com

Un rappresentante Michelin può contattare l'utente se questi esprime il proprio interesse ad essere contattato in merito ad un'offerta di prodotti o servizi. Il rappresentante potrebbe essere il rappresentante locale Michelin o un rivenditore autorizzato Michelin della zona. Michelin rispetta la tua privacy. Le informazioni inviateci sono protette dalla nostra IPolitica sulla Privacy. 

_ *
Sei…
  • Un trasportatore
  • Un rivenditore di pneumatici
  • Altro
0

Popolare nella comunità

#SOTTO I RIFLETTORI

L’idrogeno: un'alternativa brillante per un'industria dei trasporti più rispettosa dell'ambiente


#CONOSCI LE TUE LEGGENDE 

6 incredibili percorsi europei che devi fare almeno una volta nella vita


#LA NEWS

Il montaggio ideale di pneumatici per il trasporto a lungo raggio

You are using and outdated Web Browser..

You are using a browser that is not supported by this website. This means that some functionality may not work as intended. This may result in strange behaviors when browsing round.

Use or upgrade/install one of the following browsers to take full advantage of this website

Firefox 78+
Edge 18+
Chrome 72+
Safari 12+
Opera 71+