Consigli di utilizzazione

INTRODUZIONE AL MONTAGGIO DEI PNEUMATICI PER AUTOCARRI E BUS

 

Il montaggio si effettua dopo aver verificato la conformità e la compatibilità del pneumatico. Un corretto montaggio del pneumatico, effettuato con i metodi di lavoro raccomandati e nel rispetto delle norme di sicurezza in vigore, contribuisce a far sì che il pneumatico venga utilizzato al massimo delle sue potenzialità.


A. Precauzioni generali

  • L’operatore deve sempre essere equipaggiato con gli usuali indumenti protettivi (protezioni per le orecchie, guanti, scarpe antifortunistiche, ecc.)
  • Gli operatori devono essere correttamente formati per lo svolgimento di tali operazioni e si devono utilizzare le attrezzature adeguate.
  • Il veicolo deve avere il motore spento e deve essere fermo e correttamente stabilizzato (freno a mano, cuneo, cavalletti, ecc.).

 

B. Precauzioni per il montaggio

Assicurarsi che la ruota e i suoi componenti siano adatti, puliti e in buone condizioni.

  • Verificare che il pneumatico sia compatibile con ruota, veicolo e utilizzo.
  • Rispettare le posizioni, il senso di montaggio e di rotazione, nonché qualsiasi altra eventuale istruzione pertinente qualora presente sui fianchi del pneumatico.
  • Assicurarsi che l’interno del pneumatico sia pulito, asciutto e privo di corpi estranei. Per un pneumatico già utilizzato su strada, controllare attentamente che l’interno del pneumatico non mostri segni di gonfiaggio insufficiente (screziature, dislocazioni).
  • Cambiare la guarnizione della valvola per i pneumatici tubeless oppure, per quelli con camera d’aria, la camera d’aria e il flap.
  • Assicurarsi che il pneumatico sia centrato sul cerchio durante il gonfiaggio.
  • Gonfiare il pneumatico in modo sicuro, alla pressione suggerita dal produttore. Assicurarsi che tutti i componenti siano correttamente posizionati. Non posizionarsi mai di fronte a un pneumatico montato. Posizionarsi sulla linea del battistrada, ad almeno 3 metri di distanza. Utilizzare sempre una gabbia di gonfiaggio, ove possibile.
  • Tutte queste precauzioni devono essere messe in pratica sia per i pneumatici nuovi sia per quelli già utilizzati su strada.
  • Si consiglia di montare pneumatici su ruote con valvole protette per i veicoli dotati di freni a disco, per evitare il rischio che la valvola venga danneggiata da un oggetto incastrato tra il freno e la ruota.
  • L’errato montaggio di pneumatici e ruote può causare danni a pneumatici e veicoli, nonché lesioni alle persone (gravi o addirittura mortali).


C. Verifica delle valvole

A causa dell’invecchiamento e dell’alta temperatura cui sono sottoposti i freni, le guarnizioni delle valvole e le prolunghe per il gonfiaggio devono essere sostituite regolarmente ad ogni cambio gomma.
Il cappuccio della valvola deve essere sempre in ottime condizioni per offrire una tenuta ermetica.

tenuta gemellati

Schema di fissaggio delle prolunghe per montaggio in gemellato. Posizionare sempre le valvole una di fronte all’altra.


BUONE NORME PER IL GONFIAGGIO DEI PNEUMATICI

Pressione di gonfiaggio in officina

Questa operazione deve essere eseguita da personale competente utilizzando l’attrezzatura corretta. Un montaggio scorretto può causare danni al pneumatico (potenzialmente invisibile al momento del montaggio), alla camera d’aria o alla ruota.

La pressione dei pneumatici a freddo deve essere determinata in base al carico, alla velocità e alle condizioni di utilizzo.

Michelin raccomanda di gonfiare i pneumatici utilizzando una gabbia di sicurezza.

Il gonfiaggio dei pneumatici dovrebbe avvenire in due passaggi:

1° passaggio:
• pre-gonfiaggio a 1,5 bar (21,7 psi)
• ispezione generale del pneumatico

2° passaggio:
• gonfiare il pneumatico alla pressione indicata
• durante il gonfiaggio, il pneumatico deve essere posizionato verticalmente in una gabbia di gonfiaggio, o in un’area sicura adatta.

Durante il gonfiaggio, l’operatore deve posizionarsi sulla linea della fascia del battistrada.

In ogni momento, durante il gonfiaggio, rimanere ad almeno 3 metri di distanza dal complesso montato sulla linea della fascia del battistrada.

edito la juste pression photo principale help and advice

Durante il gonfiaggio posizionarsi sulla linea della fascia del battistrada, ad almeno 3 metri di distanza.

EQUILIBRATURA
 

È importante assicurarsi che i pneumatici siano correttamente bilanciati, perché questo: 

• contribuisce al raggiungimento della massima resa chilometrica delle gomme
• protegge le parti meccaniche dall’usura precoce
• offre un viaggio confortevole

Se fosse necessario effettuare l’equilibratura, Michelin raccomanda di utilizzare un’equilibratura dinamica applicando dei pesi alla ruota.

INSTALLAZIONE DELLA RUOTA SUL VEICOLO

Dopo aver montato la ruota sul veicolo, i dadi della ruota devono essere serrati con una chiave dinamometrica nel rispetto dei valori definiti dal costruttore del veicolo. Un processo di serraggio delle ruote corretto è essenziale per mantenere la sicurezza delle ruote e, con essa, la tua.

A. Condizioni delle ruote:

  • È necessario controllare regolarmente le condizioni delle ruote. È necessario sostituire qualsiasi ruota o cerchio incrinato.
  • Ruote e cerchi non devono essere riparati mediante saldatura.
  • Nell’eventualità in cui si dovesse effettuare un’operazione di saldatura, il pneumatico deve essere rimosso dal cerchio. Altrimenti, il rischio di esplosione è molto elevato.
  • Il pneumatico può essere rimontato quando tutti gli elementi sono tornati a temperatura ambiente.
  • Prima di qualsiasi saldatura sul telaio del veicolo, il sistema pneumatico-ruota deve essere rimosso dal veicolo.
  • Prima di rimuovere le componenti dei sistemi delle ruote da un veicolo, si raccomanda di sgonfiare i pneumatici.


B. Prima del montaggio/assemblaggio della ruota occorre osservare le seguenti istruzioni:

1. Pulire:

  • le superfici di appoggio del mozzo e della ruota
  • i perni e i dadi della ruota

2. Controllare:

  • le condizioni dei fori di fissaggio (deformazioni, crepe, ecc.)
  • le condizioni dei perni (deformazioni, condizioni della filettatura, ecc.)
  • le condizioni dei dadi (deformazioni, condizioni della filettatura, ecc.).
  • eventuale corrosione e presenza di vernice, da rimuovere con una spazzola metallica, se necessario
  • eventuale presenza, sul metallo, di bava o di superfici fuse o sfaldate

3. Lubrificare:

  • la filettatura dei dadi delle ruote con un goccio di olio
  • non lubrificare mai la superficie di accoppiamento di dadi o rondelle

4. Serraggio finale con chiave dinamometrica:

  • Utilizzare una chiave dinamometrica calibrata
  • Seguire le raccomandazioni del costruttore del veicolo in merito a procedimento e chiavi dinamometriche consigliate.
  • I dadi devono essere serrati alternativamente in diagonale, secondo il numero di dadi, come da illustrazione sottostante. La sequenza della rotazione, per superfici di accoppiamento diametralmente opposte, fa in modo che le superfici di accoppiamento stesse siano serrate in modo regolare e uniforme.
  • Il serraggio secondo il valore corretto della chiave dinamometrica calibrata rende la ruota più facile da rimuovere in caso di foratura, non distorce i perni e contribuisce al funzionamento sicuro.

Un serraggio eccessivo può facilmente risultare dannoso quanto un serraggio insufficiente, e può provocare:

  • deformazione e/o incrinatura dei perni delle ruote,
  • distorsione dei filetti dei dadi delle ruote, che può anche portare all’allentamento delle ruote,
  • ovalizzazione di tamburi, ecc.

Dopo trenta minuti, o dopo 50-100 chilometri di utilizzo, i dadi delle ruote devono essere ricontrollati per verificarne la tenuta utilizzando una chiave dinamometrica calibrata. Quando si esegue nuovamente questa operazione, i dadi non devono essere allentati e poi riavvitati. Dovrebbero essere semplicemente controllati.

picto schema maintenance clamp help and advice

CURA E MANUTENZIONE
 

I pneumatici devono essere esaminati regolarmente. Assicurarsi che il motore sia spento e il veicolo sia fermo e completamente stabilizzato prima di qualsiasi ispezione.


A. Cura dei pneumatici

I pneumatici devono essere esaminati regolarmente. Nello svolgere tale operazione, assicurarsi che il motore sia spento e il veicolo sia fermo e completamente stabilizzato prima di qualsiasi ispezione.

B. Controllo dei pneumatici

  • I pneumatici di un veicolo devono essere controllati regolarmente, prestando particolare attenzione a ispezionare:
    • il battistrada, cercando eventuali segni di un’usura anomala, tagli, deformazioni e corpi estranei incastrati (pietre, bulloni, chiodi, ecc.),
    • i fianchi, cercando eventuali tagli, danni da impatto (causati da buche, cordoli, ecc.), raspature dovute ai cordoli e deformazioni anomale.
  • Vanno inoltre tenuti sotto controllo eventuali sintomi legati a problemi di manovrabilità del veicolo, come le vibrazioni del volante, tendenza a tirare a sinistra o a destra, ecc.
  • Se si verifica una perdita di pressione, è necessario fermarsi quanto prima, perché un veicolo che viaggia con un gonfiaggio insufficiente delle gomme causa la degradazione termica dei componenti del pneumatico.
  • Il pneumatico deve essere rimosso dal cerchio ed è necessario determinare il motivo della perdita di pressione.
  • I danni rilevati devono essere esaminati da un professionista che sia in grado di determinare l’eventuale necessarietà di riparazione.
  • Le riparazioni devono essere effettuate da uno specialista, che si assuma la responsabilità della riparazione.
  • Prima di qualsiasi riparazione, l’interno del pneumatico deve essere esaminato per assicurarsi che non si sia verificato alcun degrado.

B. Ispezione dei pneumatici e raccomandazioni

picto truck axles help and advice

Assali, da sinistra a destra: Sterzante (F), Motore (D), Per rimorchio (T)

1. Usura dei pneumatici sull’ASSALE STERZANTE degli autoveicoli

Osservazioni

  • Il pneumatico anteriore lato guida si usura di solito più rapidamente rispetto al pneumatico anteriore lato passeggero.
  • Il pneumatico anteriore lato passeggero presenta spesso un’usura più pronunciata sulla spalla esterna a causa della campanatura della strada e del numero di rotatorie.

Le nostre soluzioni:

Per uniformare l’usura dei pneumatici anteriori, se necessario, invertire i pneumatici sul cerchio quando sono mezzi usurati e scambiarli da sinistra a destra. Effettuare la riscolpitura al momento opportuno. Michelin sconsiglia il montaggio di pneumatici ricostruiti sugli assi sterzanti anteriori degli autoveicoli.


2. Usura dei pneumatici sull’ASSALE MOTORE

Osservazion

  • Come regola generale, entrambi i pneumatici interni presentano un’usura più marcata sulla spalla del battistrada, sul lato interno del telaio.
  • Sono diversi i fattori coinvolti: l’angolo di campanatura, il tipo di sospensione, l’uso del freno motore, le condizioni della strada e il carico sull’assale.

Le nostre soluzioni:

Per uniformare l’usura e sfruttare pienamente il potenziale dei quattro pneumatici integrando la riscolpitura, seguire i seguenti consigli:

  • Invertire i pneumatici interni ed esterni (montaggio gemellato)
  • Girare i due pneumatici interni sui cerchi osservando il senso di rotazione
  • Effettuare la riscolpitura con 3-4 mm di battistrada residuo

Montare i pneumatici ricostruiti sugli assali motore in posizione posteriore.  

3. Usura dei pneumatici sull’ASSALE PORTANTE (per semirimorchi con 3 assali fissi)

Osservazioni

A causa della frizione laterale in curva e nelle manovre, il tasso di usura dei pneumatici montati sui 3 assi non è uniforme:

  • Il 1° assale è moderatamente interessato dalla frizione e presenterà quindi un livello di usura che si colloca a metà strada tra quello del 2° e del 3° assale.
  • Il 2° assale, praticamente privo di sollecitazioni, presenta un grado di usura molto basso.
  • Il 3° assale è soggetto a un’usura che mostra più rapidamente i suoi effetti, perché è più soggetto alla frizione legata alla geometria del veicolo.

Le nostre soluzioni:

Per uniformare l’usura e sfruttare appieno il potenziale di entrambi i pneumatici integrando la riscolpitura, seguire i seguenti consigli:

Rotazione dei pneumatici:

  • Invertire le gomme sui cerchi del 1° e del 3° assale quando sono usurate al 50% circa.
  • Effettuare una riscolpitura (a 3-4 mm di profondità residua della scultura):
  • Sul 1° assale è possibile l’utilizzo di gomme riscolpite a seconda dell’uso.
  • Sul 2° assale si raccomanda di solito l’utilizzo di gomme riscolpite.
  • Sul 3° assale, normalmente, non si raccomanda l’utilizzo di gomme riscolpite.

I pneumatici del 3° assale possono essere riscolpiti e montati sul 2° assale.

Per rimorchi e semirimorchi, i pneumatici MICHELIN Remix possono essere montati in qualsiasi posizione.

C. Rotazione dei pneumatici e inversione della gomma sul cerchio

Di cosa si tratta?

Far ruotare i pneumatici tra loro significa rimuovere il pneumatico da una posizione sul veicolo e nel montarlo in un’altra posizione.
L’inversione dei pneumatici sul cerchio è un’operazione che consiste nel rimuovere il pneumatico dal cerchio e rimontarlo al contrario.
Queste due operazioni possono aumentare la durata chilometrica dei pneumatici circa del 20%.*

Esempio: usura dei pneumatici dell’assale motore
Alcuni pneumatici per autocarri hanno un senso di rotazione che deve essere rispettato quando si usano per la prima volta, per ottimizzare le prestazioni in generale. In questo caso, quando si scambiano le gomme tra loro, può essere necessario invertire anche i cerchi per mantenere il senso di rotazione raccomandato.

punto di misura

D. I pneumatici ANTISPLASH™


Il sistema Antisplash™ è progettato per essere efficace all’esterno del veicolo.
Sul fianco dei pneumatici 385/65 R 22.5 con sistema Antisplash™ è riportata la marcatura “Outer Side” (“lato esterno”) in diverse lingue.

– pneumatici 385/65 R 22.5 e 315/70 R 22.5

Per ragioni di spazio, i pneumatici 385/65 R 22.5 Antisplash™ e 315/70 R 22.5

Antisplash™ non devono essere invertiti sui cerchi.

– pneumatici 385/55 R 22.5

È possibile invertire questi pneumatici sui rispettivi cerchi. Se necessario, è essenziale verificare che l’Antisplash™ non sia a contatto con parti meccaniche. A tal fine, le distanze devono essere controllate con le ruote in tutte le posizioni di sterzata (dal blocco completo a sinistra al blocco completo a destra), tenendo conto delle variazioni di geometria quando il veicolo è in movimento. Sarebbe inoltre consigliabile contattare il costruttore del veicolo per raccogliere la loro opinione in proposito.

 

E. Allineamento delle ruote

Misurando e regolando gli angoli delle ruote di un veicolo, si riducono i costi legati a carburante e usura dei pneumatici.

Questo è un vantaggio sia in termini economici, sia in termini ambientali. Inoltre, ciò permette di migliorare la sicurezza perché il veicolo occupa meno spazio mentre viaggia in autostrada, grazie alle ruote correttamente allineate.

PRECAUZIONI NELLA RIMOZIONE DEI PNEUMATICI
 

Nel rimuovere la ruota da un veicolo,

se il pneumatico fa parte di un montaggio gemellato o se il cerchio presenta danni evidenti, i pneumatici:

  • devono essere sgonfiati rimuovendo il meccanismo interno della valvola prima che l’unità montata venga rimossa dal veicolo
  • Rispettare le raccomandazioni e le istruzioni del costruttore del veicolo

Rimozione del pneumatico con la ruota ancora montata sul veicolo

Michelin sconsiglia questa pratica che dovrebbe essere utilizzata solo se non è possibile rimuovere la ruota. In questo caso, sgonfiare completamente il pneumatico rimuovendo il meccanismo interno della valvola.

STOCCAGGIO E MOVIMENTAZIONE
 

A. Condizioni per un corretto stoccaggio dei pneumatici

  • Locali puliti, asciutti, temperati e areati, al riparo dalla luce diretta del sole e dalle intemperie.
  • I locali dedicati allo stoccaggio non devono contenere apparecchiature che generano ozono, come lampade fluorescenti, lampade a vapori di mercurio, macchine elettriche o altre apparecchiature che possono produrre scintille o altre scariche elettriche.
  • Le gomme vanno tenute lontane da qualsiasi sostanza chimica, solvente o idrocarburo, che potrebbe alterare la natura del materiale.
  • Le gomme vanno tenute lontane da qualsiasi oggetto che possa forarle (spuntoni metallici, legno, ecc.).
  • I prodotti devono essere stoccati in modo che non siano sottoposti a stress e tensione, compressione o altre deformazioni, poiché queste possono causare crepe o deformazioni permanenti.
  • Rotazione delle scorte: per evitare il deterioramento, il tempo di stoccaggio deve essere ridotto al minimo. Le scorte devono essere emesse dai negozi a rotazione in modo che quelle rimaste in magazzino siano quelle prodotte o consegnate più di recente.

• Stoccaggio:

– Per lo stoccaggio a breve termine (fino a 4 settimane) i pneumatici possono essere impilati orizzontalmente, uno sopra l’altro, su bancali di legno; tuttavia, l’altezza delle pile non deve superare 1,2 metri. Dopo 4 settimane, l’ordine dei pneumatici sulla pila dovrebbe essere cambiato. Se montati su cerchioni, i pneumatici devono essere immagazzinati gonfiati in posizione verticale oppure su degli scaffali, non accatastati l’un l’altro.

- Per lo stoccaggio a lungo termine, i pneumatici devono essere immagazzinati in posizione verticale senza sovrapporli, su scaffali con almeno 10 cm di spazio libero dal pavimento. Per evitare le deformazioni, si consiglia di modificare l’ordine delle gomme una volta al mese.

• Camere d’aria:

– Le camere d’aria dei pneumatici devono essere o leggermente gonfiate, spolverate di talco e posizionate nei pneumatici, oppure immagazzinate sgonfie in piccole pile di max. 50 cm, in scomparti di scaffalature a ripiani con base orizzontale. I bancali che presentano delle aste non sono adatti in quanto potrebbero esercitare pressione in punti specifici.

– Se le camere d’aria sono fornite dal produttore in cartoni oppure avvolte nella pellicola, devono essere stoccate in tali confezioni perché l’imballaggio fornisce una certa protezione dalla contaminazione, dall’ossigeno e dalle conseguenze dell’esposizione alla luce.

• Flap:

– I flap dovrebbero essere posizionati preferibilmente con le camere d’aria all’interno dei pneumatici; tuttavia, se stoccati separatamente, dovrebbero essere posizionati orizzontalmente su scaffali privi di contaminazione, polvere, grasso e umidità. Non devono mai essere appesi, perché potrebbero deformarsi e allungarsi.


B. Nel maneggiare pneumatici e accessori, l’operatore deve:

• Seguire le istruzioni di sicurezza della casa produttrice

• Essere equipaggiati con gli usuali dispositivi di protezione per la manipolazione

• Utilizzare strumenti e attrezzature che non danneggino i pneumatici


C. Informazioni aggiuntive di Michelin sullo stoccaggio:

  • I pneumatici stoccati che raggiungono i cinque anni di vita devono essere esaminati da personale competente per determinare che siano ancora idonei.
  • Si raccomanda vivamente di gonfiare con azoto i pneumatici montati da stoccare. Se si utilizza, invece, l’aria, questa deve essere il più possibile secca prima di essere immessa nel pneumatico. Accertarsi che sulla valvola sia montato il relativo cappuccio.
  • I pneumatici dei veicoli appoggiati a terra devono essere alla pressione normalmente usata per il veicolo.
  • Ogni sei mesi, tale pressione deve essere controllata e, se necessario, regolata. Ogni quattro mesi, i pneumatici devono essere ruotati di ¼ di giro. I pneumatici dovrebbero essere guidati per una certa distanza ogni anno, fino alla scomparsa di eventuali segni di appiattimento.
  • I pneumatici dei veicoli sospesi devono essere sgonfiati circa della metà della pressione normale del veicolo.
  • Anche le gomme di ricambio stoccate devono essere sgonfiate circa della metà della pressione normale del veicolo.
  • È necessario prevedere una procedura per far sì che i pneumatici che sono stati immagazzinati a pressione ridotta vengano correttamente gonfiati al momento della rimessa in servizio.
  • Qualsiasi pneumatico che sia stato stoccato deve essere ispezionato visivamente da personale competente prima di entrare o rientrare in servizio.

Michelin declina ogni responsabilità per le conseguenze di eventuali danni o lesioni causati dall’uso di pneumatici contrario alle sue raccomandazioni

Firefox 78+
Edge 18+
Chrome 72+
Safari 12+
Opera 71+