Perché sono contento… Come possono i proprietari di flotte fare in modo che i loro autisti siano contenti di guidare?

Pubblicato il 17 ottobre 2021 - 6 minuto/i di lettura

Guidare il camion è un lavoro duro che non attrae abbastanza giovani per sostituire le migliaia di autisti che vanno in pensione ogni anno. Abbiamo chiesto a tre proprietari di flotte in Polonia e Romania, dove questa crisi è particolarmente acuta. Ecco le loro migliori pratiche ed azioni per attirare e mantenere in organico i loro autisti. Stai ascoltando Trick’n Truck.

 

Ascolta il podcast:

Per l'idea che tutti ne hanno, il lavoro del camionista ha sofferto negli ultimi anni... Eppure, la nostra economia dipende tuttora largamente dai camionisti dato che quasi tutte le merci vengono a un certo punto trasportate su strada. Quindi è fondamentale trovare il modo di rendere di nuovo attraente guidare un camion!

Se le aziende di trasporto vogliono riuscire a reclutare giovani autisti, devono offrire garanzie e vantaggi tangibili nel tentativo di rilanciare l'immagine appannata di questa professione. 

Reclutare gli autisti

Assumere nuovi autisti non è sempre facile. A quanto pare, si tratta spesso di proporre cose molto concrete. “Durante il colloquio iniziale, si parla di orari di lavoro, bonus per la guida ecologica, insomma cose del genere”, dice Władysław Tworkowski(1), manager di Montana, società di trasporti internazionali con sede a Przasnysz, in Polonia. “Essere pagati in tempo, avere i fine settimana liberi e lavorare con una flotta in buone condizioni sono cose che i nuovi assunti guardano attentamente”.
 
A causa dell’immagine del settore, le aziende di trasporto devono lavorare il doppio sulla loro reputazione. “Gli autisti raccolgono opinioni sulla strada, con il passaparola. Puoi fare pubblicità nei media o nelle riviste, ma in realtà sono gli autisti che attirano altri autisti”, spiega Michał Jamka(2), responsabile di Glob Truck a Ostrołęka, sempre in Polonia. “Se a un autista viene detto che il lavoro è pagato in modo equo ed è organizzato bene […] sarà quello che conta davvero”.

Argomenti per renderli sempre contenti

Lo stesso vale per non far fuggire gli autisti che già lavorano per l’azienda: si tratta di offrire le migliori condizioni di lavoro possibili e di dare la migliore immagine possibile. “Attualmente, sia i colleghi esperti che quelli più giovani hanno un'ottima opinione delle condizioni di lavoro nella nostra azienda” spiega con orgoglio Dan Adrian Bejușcă(3), direttore di Volanul de Aur, azienda rumena di trasporti refrigerati. “Il nostro orario di lavoro è flessibile, gli autisti possono prendersi dei giorni di riposo ogni volta che ne hanno bisogno, e offriamo dei bonus per lavorare il sabato e tenere i camion in ordine”.
 
Dice che anche mantenere buoni rapporti e il rispetto reciproco sono un fattore importante per far sì che gli autisti rimangano a lungo. Władysław della società Montana in Polonia aggiunge che anche dei camion ben tenuti sono importanti: “A parte gli orari di lavoro, i nuovi autisti chiedono soprattutto in che condizioni sono i camion che guideranno, questa è la cosa più importante per loro”.
 
Questi argomenti sono particolarmente importanti per convincere i giovani autisti a lavorare per l'azienda in una situazione in cui molti di loro sono attirati dai salari più alti delle aziende dell'Europa occidentale. “Gli autisti giovani prendono quello che le aziende polacche possono offrire, ma sono sempre alla ricerca di condizioni migliori, il che è comprensibile” dice Michał Jamka di Glob Truck. “Cerchiamo di reagire a questa situazione nel modo migliore, ma sembra che non ci sia rimedio”.

“L'affidabilità dell'azienda, così come la mancanza di preoccupazioni garantita da un buon lavoro, l'autostima e i camion in buone condizioni fanno sì che gli autisti rimangano a lungo”, osserva Dan Adrian Bejușcă.

Affrontare il divario generazionale

Oltre a questo, i proprietari di flotte devono prestare attenzione a un altro elemento che può turbare l'armonia all'interno dei loro team: la spaccatura tra gli autisti giovani e quelli esperti. L'arrivo di strumenti tecnologici come il cruise control, i radar di distanza e la telematica ha trasformato il mondo degli autotrasporti, e questo può creare un gap generazionale. “È più facile andare d'accordo con gli autisti più giovani, sono più reattivi ai suggerimenti sulla guida ecologica, per esempio, che si traduce in un risparmio per l'azienda”, dice Władysław. “Gli autisti con più anzianità di lavoro pensano sempre di saperne di più. Grazie alla telematica, possiamo vedere gli errori che fanno, se hanno frenato troppo energicamente, ecc. Gli autisti giovani sono molto aperti a questo, mentre gli altri […] dicono che la loro esperienza è sufficiente, che non hanno bisogno degli strumenti tecnologici”.
 
Detto questo, Dan Adrian Bejușcă, Romania, dice che tutti hanno i loro pregi e difetti, indipendentemente dall'età, e che nella sua esperienza, “c'è un grande interesse sia da parte degli autisti esperti che di quelli più giovani che vogliono migliorare le loro capacità”. Una cosa è certa: nel bene e nel male, il mondo degli autotrasporti si è sempre evoluto, e non finirà di essere così.

 

mag3 tnt title

mag3 tnt title

 

Incentivarli
I camionisti sono costantemente soggetti a nuove regole e pratiche. Assicuratevi che abbiano delle ragioni forti per rispettare le regole, per esempio concedendo dei bonus per la guida ecologica o la buona manutenzione del loro veicolo.

Mantenere la serenità
A volte possono sorgere dei conflitti tra gli autisti e i loro dirigenti. Tutti i proprietari di flotte con cui abbiamo parlato citano il rispetto e l'ascolto come fattori chiave per evitare le difficoltà: assicurarsi sempre che si sentano riconosciuti e parlare apertamente in modo che non si creino malintesi.

Garantire la loro sicurezza
La pandemia di Covid-19 mette i camionisti particolarmente a rischio. Applicate tutte le misure necessarie per mantenere i vostri autisti al sicuro dai pericoli e fate uso di tutti gli strumenti tecnologici che li aiutano a guidare nel modo più sicuro.

 

 

mag3 tnt photo

mag3 tnt photo

Podcasts

UNISCITI ALLA
COMUNITÀ !

Fornendo il mio indirizzo e-mail e cliccando sul pulsante di seguito, accetto le Condizioni d'uso, prendo visione dell'Informativa sulla Privacy, acconsento al trattamento dei dati da parte di Michelin Italiana S.p.A. con le seguenti finalità:
1. Gestire la tua partecipazione al programma
2. Verificarne la tua soddisfazione
3. Inviarti informazioni commerciali e comunicazioni promozionali da parte di Michelin Italiana SpA
 
Il Titolare del Trattamento è Michelin Italiana SpA e i tuoi dati saranno trattati solo dal personale necessario e, ove applicabile, da società delegate. Hai il diritto di accedere, rettificare i tuoi dati o richiederne la cancellazione dai nostri database. Per questo puoi contattarci via email all'indirizzo: servizio.privacy@michelin.com

Un rappresentante Michelin può contattare l'utente se questi esprime il proprio interesse ad essere contattato in merito ad un'offerta di prodotti o servizi. Il rappresentante potrebbe essere il rappresentante locale Michelin o un rivenditore autorizzato Michelin della zona. Michelin rispetta la tua privacy. Le informazioni inviateci sono protette dalla nostra IPolitica sulla Privacy. 

_ *
Sei…
  • Un trasportatore
  • Un rivenditore di pneumatici
  • Altro
0

You are using and outdated Web Browser..

You are using a browser that is not supported by this website. This means that some functionality may not work as intended. This may result in strange behaviors when browsing round.

Use or upgrade/install one of the following browsers to take full advantage of this website

Firefox 78+
Edge 18+
Chrome 72+
Safari 12+
Opera 71+